Torna indietro (back)
home
La Fondazione

Dietrich Gruen è nato a Osthofen, Germania, nel 1847 e dopo aver frequentato le scuole pubbliche, a 15 anni diventa apprendista orologiaio a Martens nel Friedburg, Germania, e lavora poi anche a Carlsruhe, Wiesbaden e Lode.
Nel 1867 emigra negli Stati Uniti raggiungendo i suoi tre fratelli, che vi erano giunti molti anni prima. Dopo aver lavorato come orologiaio a St.Louis, Cincinnati e Columbus, Dietrich si trasferisce a Delaware, Ohio.

Nel dicembre del 1874 brevettò un sistema di sicurezza che evitava il rompersi del pignone stesso in caso di rottura della molla di carica. Poiché questo fu il suo primo importante contributo all'orologeria, in futuro, la Gruen riporterà il 1874 come data di fondazione, sebbene la Gruen Watch Company fosse poi realmente fondata solo nel 1894.

Nel 1876 Dietrich fonda con un socio (William J. Savane) la Columbus Watch Manufacturing Company; essa modificava (inserendo il pignone di sicurezza brevettato), finiva ed incassava i movimenti importati, fabbricati da Leone Asbey in Svizzera.

Pian piano la società acquisisce clienti e diventa interessante per molti investitori, cresce sempre di più e nel 1882, in collaborazione con una serie di nuovi partner, la società viene riorganizzata come Columbus Watch Company e si sposta in un nuovo edificio appositamente costruito, con la caratteristica innovativa di avere ampie finestre, alte e strette per fornire un'adeguata luce per il delicato lavoro di costruzione degli orologi.

Nel 1893 Fred Gruen, primo figlio di Dietrich, che diventerà poi molto importante per la società, riceve la laurea con onore dall'Horological Istitute di Glashütte (Germania) ed appena rientrato inizia a riorganizzare e snellire i processi di lavorazione.
Nonostante ciò la società non riesce a superare la depressione economica iniziata in quello stesso anno e viene avviato il fallimento. Dietrich e Fred escono dalla società prima della chiusura.
Poco dopo aver lasciato la Columbus Watch Company, Dietrich e Fred Gruen decidono di fondare una nuova società, per continuare la produzione di orologi.

Nasce così nel 1894 la D.Gruen & Son, che nel 1898, con l'entrata del secondo figlio di Dietrich, George, diventa la D. Gruen, Sons & Company e sposta la sede da Columbus a Cincinnati.

I Gruen cominciano subito a distinguersi dai concorrenti, che hanno in produzione solo modelli legati alla "certificazione" ferroviaria (che all'epoca era la più restrittiva ed assicurava il massimo della precisione, con orologi robusti ma eccessivamente pesanti), fanno orologi più leggeri e facili da tenere in tasca (preoccupazione costante di Dietrich Gruen), utilizzando e modificando movimenti tedeschi delle fabbriche di Glashütte.

Lo stesso anno, la Gruen acquista la Queen City Case Company e ne cambia il nome in Gruen National Case Watch Company, affidandole la produzione diretta delle casse per gli orologi della Gruen, innovando ancora una volta le abitudini del mercato e fornendo per primi l'orologio completo (al contrario dei concorrenti che all'epoca vendevano solo il movimento, lasciando ai gioiellieri la responsabilità di incassarlo).

Intorno al 1900, la Gruen decide di non acquistare più movimenti in Germania, poiché gli orologiai tedeschi non volevano modificare i propri metodi produttivi, e si rivolge ai produttori svizzeri.
Da quel momento, e per tutto il resto della sua storia, Gruen progettò i propri movimenti, li produsse in Svizzerà e li rifinì ed incassò negli Stati Uniti.

Inizia in questo momento la politica della vendite (oggi diremmo marketing) poi sviluppata ed approfondita da Fred Gruen.

I modelli sono moltissimi, anche molto economici e la vicinanza ai propri clienti è assicurata fornendo gli orologi direttamente ai negozi.
Non ci sono intermediari, distributori o grossisti tra Gruen ed il locale negozio di gioielli, così le richieste dei clienti vengono recepite immediatamente. La società aveva così una ampia forza di vendita diretta che nel 1930 arriverà ad avere circa 1200 concessionari.

In quegli anni Fred Gruen introdusse l'uso dei numeri in oro applicati sui quadranti in sostituzione di quelli dipinti e smaltati; inizialmente la novità fu accolta con diffidenza, ma rapidamente tutti la copiarono (benché avesse realizzato molti brevetti Fred Gruen si rammaricò sempre di non aver brevettato il quadrante con cifre riportate).


Gli orologi da polso

Nei primi anni del 1900 Gruen continua a sviluppare orologi da tasca sempre più sottili, e nel 1908 inizia la produzione di orologi da polso sia da uomo che da donna, ma questi si dimostrano popolari solo fra le donne.

La maggior parte degli uomini vedeva gli orologi da polso estremamente effeminati e continuava ad acquistare orologi da tasca; solo durante la prima guerra mondiale, nelle trincee o a bordo dei primi aeroplani, gli uomini si accorgono che un orologio da polso è molto più pratico da consultare e da proteggere, e così questi orologi diventano più accettabili anche nella vita civile.

Gruen, che aveva continuato a prendere seriamente questi primi orologi da polso, vedendo il loro potenziale, nonostante le deludenti vendite ai primi clienti di sesso maschile, ne incrementa la produzione, chiamandoli tuttavia " da cinturino" (strap watch) e non " da polso" (wristwatch, come erano già chiamati quelli femminili), perché ciò suonava ancora troppo effeminato.

La produzione Gruen per i militari durante la prima guerra mondiale utilizzava in genere i movimenti femminili (i più piccoli disponibili sul mercato) e casse in argento, che si ossidava, ma resisteva bene alla corrosione; per soddisfare i regolamenti militari americani, questi orologi avevano inoltre tutti gli indici del quadrante e le lancette luminescenti.
In questo sito la storia della Gruen è particolarmente circoscritta ai suoi orologi da polso. Una più approfondita descrizione dei primi anni di attività e dei suoi bellissimi orologi da tasca, possono essere ritrovati nel sito GRUEN The Art & Mystery of Watchmaking 1874-1958 di Paul Schlisser, dal quale peraltro sono state tratte (e tradotte) quasi tutte le informazioni più oltre riportate.
1874 - 1900